Provenzano “VITTIMA DELLO STATO” per il 41-BIS?! Ma sono impazziti a STRASBURGO?

È stata definita dal suo avvocato “una lotta per i diritti”… sì, quelli di un uomo che ha sulla coscienza centinaia di omicidi efferati e il sistematico saccheggio delle risorse e del futuro dei siciliani e dell’Italia intera.

Di uno dei criminali più brutali e pericolosi della storia dell’umanità, non solo del nostro Paese.
Di un pluri-ergastolano che non ha mai veramente rinnegato le sue scelte né tantomeno il suo passato.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (che non è una Corte dell’UE, è bene ricordarlo) può anche ritenere di aver giudicato in punto di diritto, ma da giurista mi torna in mente solo l’antico detto romano “summum ius summa iniuria”: la più stretta applicazione del diritto diviene la peggiore delle ingiustizie.

Noi non arretreremo di un passo nel difendere il carcere duro del 41bis per i mafiosi: è l’unico modo per colpirli e impedir loro di comandare anche dietro le sbarre. Di bloccare chi vuole distruggere le regole fondamentali della convivenza civile.
Per loro non può esserci nessuna pietà.

La mafia è e resta una montagna di merda!

Check Also

Minori stranieri non accompagnati, come tutelarli in Europa?

Ho avuto il piacere di ospitare al Parlamento  europeo, la settimana scorsa, un’importante conferenza dal ...