Preserviamo le Alpi Apuane

Ho presentato un’interrogazione alla Commissione Europea contro la devastazione delle Alpi Apuane e la distruzione di un ecosistema già compromesso, che va a tutti i costi preservato da abusi ed interessi privati. Ecco il testo:

Nel 1997 la Regione Toscana ha costituito il Parco Regionale delle Alpi Apuane, per salvaguardare una risorsa naturale, ambientale, paesaggistica, ricca di biodiversità. Nel 2012 il Parco è entrato a far parte della Rete dei Geoparchi Unesco ed in esso sono presenti una ZPS-Zona di Protezione Speciale – istituita nell’ambito della Rete Natura 2000 conformemente alla direttiva sulla biodiversità 92/43/CEE, che abbraccia l’88% dell’area – e 18 SIC-Siti di Interesse Comunitario.

Al momento dell’istituzione dei SIC e della ZPS non si è tenuto conto della realtà estrattiva, cosicché oggi i bacini sono incistati in queste aree e l’attività estrattiva è persino aumentata, in palese contrasto con il principio di precauzione enunciato all’art. 191 TFUE. Si prefigura quindi una violazione reiterata della stessa direttiva 92/43/CEE, nonché delle direttive 79/409/CEE, 2009/147/CE. Nel Parco si trovano anche 30 sorgenti carsiche e l’attività estrattiva incontrollata mette altresì fortemente a rischio i bacini idrici corrispondenti, in potenziale violazione delle Direttive 2000/60/CE e 2006/118/CE.

Il 27 marzo è stata approvata la revisione del piano paesaggistico regionale anche al fine di regolamentare il prelievo del marmo ma lo stesso è stato impugnato ed i divieti sono diventati semplici raccomandazioni.

Si chiede alla Commissione:

  • se sia a conoscenza delle violazioni e del rischio corso dall’ecosistema del Parco;
  • come intenda intervenire in merito.

Check Also

Papà

Ci hai lasciati in una notte di settembre, il nostro mese preferito, lo stesso mese ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *