Ultime notizie

Marzo, 2015

  • Riga 2015: M5S per un nuovo modello di azione per l’UE in politica estera e di sicurezza

    Il violento conflitto in Ucraina e il successo dell’espansione militare dei fondamentalisti islamici in Iraq, Siria e Libia sono solo alcuni dei punti di attrito che hanno causato tensioni e instabilità nelle regioni ad est e a sud dell’Unione europea. Come delegato del Parlamento europeo alla Conferenza interparlamentare per la politica estera e la politica di sicurezza e difesa comune ...

    Continua a leggere »
  • Damas de blanco: Cuba non passi dall’autaritarismo comunista a un iperliberismo selvaggio

    Questa settimana ho incontrato nel mio ufficio a Bruxelles alcuni rappresentanti delle Damas de Blanco, un movimento che riunisce le mogli e i familiari delle persone accusate di azioni contro lo Stato, spesso uno strumento politico utilizzato dal Governo per intimorire i dissidenti. Abbiamo parlato della condizione dei diritti umani a Cuba, in particolare delle opposizioni che sono nell’impossibilità di ...

    Continua a leggere »

Febbraio, 2015

  • Integrazione: perché i campi rom non sono la soluzione

    In alcune città italiane, e a Roma in particolare, si trovano numerosi campi Rom che causano forti frizioni sociali con il resto della cittadinanza per problemi sanitari, di integrazione e di sicurezza. L’Italia è stata più volte richiamata dall’Europa per la mancata integrazione dei Rom, nonostante i fondi investiti dalle istituzioni europee, nazionali e locali. L’ultima critica in ordine temporale ...

    Continua a leggere »
  • Arabia Saudita: quando un’opinione vale 1000 frustate. Una condanna di morte a rate?

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, dieci anni di reclusione e mille frustate per un dibattito politico, sociale e religioso, quindici anni a un avvocato per avere svolto il suo ruolo di difensore dei diritti umani. Che sistema penale è quello in cui cinquanta frustate vengono inflitte e si viene curati per averne altre novecentocinquanta? Questa è una condanna di morte a ...

    Continua a leggere »
  • Cipro: mai più silenzio sulle fosse comuni

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, si possono seppellire molti corpi in una fossa comune, ma quanto profonda deve essere una fossa per seppellire la storia delle vittime e le responsabilità di un conflitto terrificante che ancora oggi non è concluso? Troppo profonda!  Per ognuna delle vittime di Ashia, per ognuno dei più di 2.000 scomparsi della guerra a Cipro, ci sono ...

    Continua a leggere »
  • Calcio: coppa d’Europa e violenze a Roma

    Dieci agenti feriti e danni per migliaia di euro al decoro urbano. Questo è quanto dei violenti travestiti da tifosi hanno fatto alla mia città, Roma. No, il tifo per una squadra non ha nulla a che vedere con la violenza isterica di qualche frustrato. Mi sono già impegnato al Parlamento europeo qualche settimana fa, insieme ad altri eurodeputati dei ...

    Continua a leggere »
  • Angela Merkel e la miopia del governo tedesco: chi sta distruggendo il sogno europeo, se non la sua Germania?

    Sono sempre stato nemico delle generalizzazioni: non conducono mai a risultati utili ed apprezzabili. Per questo non sono e non sarò mai anti-tedesco, un popolo che merita senz’altro di essere apprezzato per molti dei risultati che ha saputo conseguire in millenni di storia. Per questo, però, non posso che essere ferocemente ostile alle politiche difese da questo Governo tedesco, guidato ...

    Continua a leggere »
  • Palestina: donatori UNRWA rispettino impegni presi

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, sono 96.000 le case di famiglie rifugiate palestinesi danneggiate o distrutte, il 90% degli abitanti della Striscia è disoccupato e senza reddito, molte persone dormono ancora tra le macerie e i bambini sono morti di ipotermia, colleghi. Vorrei che pensassero a questo i donatori che non hanno rispettato gli impegni presi con l’UNRWA per Gaza, che ...

    Continua a leggere »
  • TNP: disarmo nucleare deve essere comune e totale

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, NTP e CTBT sono acronimi purtroppo perfettamente sconosciuti per troppi milioni di cittadini europei e acronimi che strappano un sorriso amaro a coloro che si occupano di relazioni internazionali. Il sorriso è davvero amaro pensando alle bellissime aspirazioni di questi trattati che, nella stragrande maggioranza dei casi, vengono disattese proprio da quelli Stati ai quali sono ...

    Continua a leggere »
  • Congo‬: basta materie prime sporche di sangue

    Citando uno scrittore della mia terra, Flaiano, direi che in Repubblica Democratica del Congo la situazione continua ad essere molto grave ma tutt’altro che seria: basti pensare all’escamotage ignobile con cui l’attuale presidente voleva cercare di rinviare le elezioni. Purtroppo in molti paesi, ex colonie dei nostri stati membri, l’esempio di decenni di colonizzazione ha portato la classe dirigente a ...

    Continua a leggere »