venerdì , 23 febbraio 2018
  • AL LAVORO PER UN'EUROPA A 5 STELLE:

    AL LAVORO PER UN'EUROPA A 5 STELLE:

    SE NON CE LA FARANNO SOGNARE
    NOI NON LI FAREMO DORMIRE!

  • UN OBIETTIVO ALL'ORIZZONTE:

    UN OBIETTIVO ALL'ORIZZONTE:

    CAMBIARE IL NOSTRO PAESE
    PER NON CAMBIARE PAESE!

  • MOVIMENTO 5 STELLE:

    MOVIMENTO 5 STELLE:

    UNA COMUNITÀ DI CITTADINI
    PER TUTTI I CITTADINI

  • IL NOSTRO MEDITERRANEO:

    IL NOSTRO MEDITERRANEO:

    NON UN FOSSATO MEDIEVALE
    MA UN PONTE DI CIVILTÀ

  • NO A TECNOCRAZIA E AUSTERITÀ

    NO A TECNOCRAZIA E AUSTERITÀ

    SÌ A DEMOCRAZIA E SOLIDARIETÀ

  • NOI PORTAVOCE M5S:

    NOI PORTAVOCE M5S:

    DALL'EUROPA AI TERRITORI,
    UNA SQUADRA CHE FA RETE

  • LORO NON MOLLERANNO MAI...

    LORO NON MOLLERANNO MAI...

    ...NOI NEMMENO!

  • NOI 17 A BRUXELLES: GRINTA, COERENZA E IMPEGNO.

    NOI 17 A BRUXELLES: GRINTA, COERENZA E IMPEGNO.

    RIPRENDIAMOCI IL SOGNO EUROPEO!

  • LA NOSTRA UNICA GUERRA:

    LA NOSTRA UNICA GUERRA:

    CONTRO POVERTÀ, DISUGUAGLIANZA,
    VIOLENZA E DISCRIMINAZIONE!

  • L'ONESTÀ TORNERÀ DI MODA:

    L'ONESTÀ TORNERÀ DI MODA:

    IN ALTO I CUORI!

  • SVEGLIATI EUROPA!

    SVEGLIATI EUROPA!

    IL MEDITERRANEO NON PUÒ
    PIÙ ESSERE UN CIMITERO!

  • IN PRIMA LINEA PER UN'INFORMAZIONE LIBERA

    IN PRIMA LINEA PER UN'INFORMAZIONE LIBERA

    PER SCELTE RAGIONATE E CONSAPEVOLI

  • CONFRONTO SEMPRE E A QUALUNQUE COSTO...

    CONFRONTO SEMPRE E A QUALUNQUE COSTO...

    ...MAI COMPROMESSI
    A QUALSIASI PREZZO!

ottobre, 2014

  • Hong Kong e la rivoluzione degli ombrelli

    umbrella

    E’ la prima volta che ad Hong Kong viene messo in discussione il sistema politico apparentemente liberal-democratico ma sempre fortemente condizionato e controllato dal regime comunista. Da diversi giorni migliaia di manifestanti stanno protestando nel centro di Hong Kong per chiedere maggiori libertà democratiche ed elezioni libere al governo cinese che amministra la regione, la chiamano “Umbrella Revolution”, perché tante ...

    Continua a leggere »

settembre, 2014

  • Commercio e UE: come combattiamo la contraffazione?

    foto (20)

    Come combattiamo la contraffazione? Come possiamo dare una spinta alla rinascita del mercato manifatturiero che ha fatto la nostra Europa? L’industria del falso e della contraffazione coinvolge molti Paesi. Per molto tempo in Europa, solo l’Italia si è preoccupata di proteggere le produzioni dalle falsificazioni e non solo dei brand ma anche contrastando le false denominazioni di origine. Apriamo i ...

    Continua a leggere »
  • Dove andrai Italia senza articolo 18?

    articolo18

    E’da anni che in ogni legislatura si discute l’abolizione dell’art.18. Ancora una volta ci troviamo a doverlo difendere. Perché abbiamo bisogno dell’articolo 18? Perché non si può perdere il lavoro ed essere privati del proprio stipendio senza una ragione. Dov’è la giustizia, se si è licenziati perché si aspetta un figlio, ci si sposa o perché si appartiene a un ...

    Continua a leggere »
  • Giornata mondiale dell’Alzheimer

    alzheimer

    Oggi è la giornata mondiale dell’Alzheimer. Molti di noi convivono con questa malattia da molti anni, altri invece la stanno scoprendo da pochi giorni. Ne sono affette 26 milioni di persone in tutto il mondo e oltre 600mila in Italia, e secondo le ricerche si arriverà ad ulteriori 76 milioni di casi entro il 2030. Questi numeri danno l’idea di ...

    Continua a leggere »
  • Isis, un modello di fanatismo

    10669133_780301622009121_7321953144874516108_o

    Chi potrebbe mai dimenticare Steven Sotloff, James Foley e David Haines, i tre giornalisti decapitati pubblicamente dall’Isis, diventati pedine di un gioco feroce? Il gruppo che ha proclamato la rinascita del Califfato, ci minaccia ogni giorno lasciando dietro a ogni suo passo sangue e grida di orrore. L’Isis negli ultimi mesi è riuscito conquistare quasi un terzo dell’Iraq, arrivando a ...

    Continua a leggere »
  • Libia, dov’è l’Europa?

    LIBIA

    Il mio intervento sulla questione libica Poco più di 100 anni fa Gaetano Salvemini, uomo di cultura e coraggioso parlamentare, condannava aspramente la guerra coloniale dell´Italia per conquistare la Libia che lui definiva “uno scatolone di sabbia”. I tempi cambiano e oggi la Libia è un moderno vaso di Pandora dal quale sgorgano copiosi: sangue, petrolio e lacrime di disperazione. ...

    Continua a leggere »
  • “La libertà è come l’aria”: la mia firma per l’appello del Fatto Quotidiano

    resistenza

    “La libertà è come l’aria. Ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare”. Mentre firmavo questo appello mi sono venute in mente queste parole, così semplici, profonde e attuali, che Piero Calamandrei pronunciò nel 1955 nel suo discorso agli studenti milanesi. Vorrei che ogni italiano potesse trovare cinque minuti per rileggere quel discorso con attenzione, come ho fatto ...

    Continua a leggere »
  • La libertà è come l’aria. Ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare

    Liberta-di-stampa

    “La libertà è come l’aria. Ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare” mentre firmavo questo appello mi sono venute in mente queste parole, così semplici, profonde e attuali, che Pietro Calamandrei pronunciò nel 1955 nel suo discorso agli studenti milanesi. Vorrei che ogni italiano potesse trovare cinque minuti per rileggere quel discorso con attenzione, come ho fatto ...

    Continua a leggere »

agosto, 2014

  • Simone Camilli, un bravo giornalista morto per la verità

    Simone

    Si chiamava Simone Camilli. Era un ragazzo di Roma, come lo sono molti di noi. Un giornalista che aveva trasformato la sua passione per la storia in lavoro. Amava il suo mestiere: raccontarci la cruda verità degli orrori della guerra. Perché credeva che un bravo giornalista deve essere lì “dove accadono le cose” perché solo dal vivo, vivendo e soffrendo ...

    Continua a leggere »
  • Marcinelle, la miniera della morte

    MINIERA CARBONE BOIS2

    Esattamente 58 anni fa, la mattina dell’8 agosto 1956, nella miniera di carbone Bois du Cazier di Marcinelle, in Belgio, scoppiava un incendio di proporzioni gravissime. Ufficialmente la magistratura stabilì che era stato causato dalla combustione di olio ad alta pressione per colpa di una scintilla elettrica vicino al condotto dell’aria principale. Tutto il pozzo minerario si era riempito rapidamente ...

    Continua a leggere »