venerdì , 23 febbraio 2018
  • AL LAVORO PER UN'EUROPA A 5 STELLE:

    AL LAVORO PER UN'EUROPA A 5 STELLE:

    SE NON CE LA FARANNO SOGNARE
    NOI NON LI FAREMO DORMIRE!

  • UN OBIETTIVO ALL'ORIZZONTE:

    UN OBIETTIVO ALL'ORIZZONTE:

    CAMBIARE IL NOSTRO PAESE
    PER NON CAMBIARE PAESE!

  • MOVIMENTO 5 STELLE:

    MOVIMENTO 5 STELLE:

    UNA COMUNITÀ DI CITTADINI
    PER TUTTI I CITTADINI

  • IL NOSTRO MEDITERRANEO:

    IL NOSTRO MEDITERRANEO:

    NON UN FOSSATO MEDIEVALE
    MA UN PONTE DI CIVILTÀ

  • NO A TECNOCRAZIA E AUSTERITÀ

    NO A TECNOCRAZIA E AUSTERITÀ

    SÌ A DEMOCRAZIA E SOLIDARIETÀ

  • NOI PORTAVOCE M5S:

    NOI PORTAVOCE M5S:

    DALL'EUROPA AI TERRITORI,
    UNA SQUADRA CHE FA RETE

  • LORO NON MOLLERANNO MAI...

    LORO NON MOLLERANNO MAI...

    ...NOI NEMMENO!

  • NOI 17 A BRUXELLES: GRINTA, COERENZA E IMPEGNO.

    NOI 17 A BRUXELLES: GRINTA, COERENZA E IMPEGNO.

    RIPRENDIAMOCI IL SOGNO EUROPEO!

  • LA NOSTRA UNICA GUERRA:

    LA NOSTRA UNICA GUERRA:

    CONTRO POVERTÀ, DISUGUAGLIANZA,
    VIOLENZA E DISCRIMINAZIONE!

  • L'ONESTÀ TORNERÀ DI MODA:

    L'ONESTÀ TORNERÀ DI MODA:

    IN ALTO I CUORI!

  • SVEGLIATI EUROPA!

    SVEGLIATI EUROPA!

    IL MEDITERRANEO NON PUÒ
    PIÙ ESSERE UN CIMITERO!

  • IN PRIMA LINEA PER UN'INFORMAZIONE LIBERA

    IN PRIMA LINEA PER UN'INFORMAZIONE LIBERA

    PER SCELTE RAGIONATE E CONSAPEVOLI

  • CONFRONTO SEMPRE E A QUALUNQUE COSTO...

    CONFRONTO SEMPRE E A QUALUNQUE COSTO...

    ...MAI COMPROMESSI
    A QUALSIASI PREZZO!

febbraio, 2015

  • Cipro: mai più silenzio sulle fosse comuni

    cipro

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, si possono seppellire molti corpi in una fossa comune, ma quanto profonda deve essere una fossa per seppellire la storia delle vittime e le responsabilità di un conflitto terrificante che ancora oggi non è concluso? Troppo profonda!  Per ognuna delle vittime di Ashia, per ognuno dei più di 2.000 scomparsi della guerra a Cipro, ci sono ...

    Continua a leggere »
  • Calcio: coppa d’Europa e violenze a Roma

    10896339_859729334066349_4032484285369713954_o (1)

    Dieci agenti feriti e danni per migliaia di euro al decoro urbano. Questo è quanto dei violenti travestiti da tifosi hanno fatto alla mia città, Roma. No, il tifo per una squadra non ha nulla a che vedere con la violenza isterica di qualche frustrato. Mi sono già impegnato al Parlamento europeo qualche settimana fa, insieme ad altri eurodeputati dei ...

    Continua a leggere »
  • Angela Merkel e la miopia del governo tedesco: chi sta distruggendo il sogno europeo, se non la sua Germania?

    merkel

    Sono sempre stato nemico delle generalizzazioni: non conducono mai a risultati utili ed apprezzabili. Per questo non sono e non sarò mai anti-tedesco, un popolo che merita senz’altro di essere apprezzato per molti dei risultati che ha saputo conseguire in millenni di storia. Per questo, però, non posso che essere ferocemente ostile alle politiche difese da questo Governo tedesco, guidato ...

    Continua a leggere »
  • Palestina: donatori UNRWA rispettino impegni presi

    unrwa

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, sono 96.000 le case di famiglie rifugiate palestinesi danneggiate o distrutte, il 90% degli abitanti della Striscia è disoccupato e senza reddito, molte persone dormono ancora tra le macerie e i bambini sono morti di ipotermia, colleghi. Vorrei che pensassero a questo i donatori che non hanno rispettato gli impegni presi con l’UNRWA per Gaza, che ...

    Continua a leggere »
  • TNP: disarmo nucleare deve essere comune e totale

    bombe

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, NTP e CTBT sono acronimi purtroppo perfettamente sconosciuti per troppi milioni di cittadini europei e acronimi che strappano un sorriso amaro a coloro che si occupano di relazioni internazionali. Il sorriso è davvero amaro pensando alle bellissime aspirazioni di questi trattati che, nella stragrande maggioranza dei casi, vengono disattese proprio da quelli Stati ai quali sono ...

    Continua a leggere »
  • Congo‬: basta materie prime sporche di sangue

    Congo

    Citando uno scrittore della mia terra, Flaiano, direi che in Repubblica Democratica del Congo la situazione continua ad essere molto grave ma tutt’altro che seria: basti pensare all’escamotage ignobile con cui l’attuale presidente voleva cercare di rinviare le elezioni. Purtroppo in molti paesi, ex colonie dei nostri stati membri, l’esempio di decenni di colonizzazione ha portato la classe dirigente a ...

    Continua a leggere »
  • Contro le mutilazioni genitali femminili tolleranza zero

    Mutilazioni genitali femminili

    Oggi, 6 febbraio, è la giornata internazionale della tolleranza zero contro le mutilazioni genitali femminili. Il Parlamento europeo lotta da anni per porre fine a ogni violenza contro le donne e la pratica delle mutilazioni genitali rappresenta una grave violazione dei diritti umani. Persino in Europa esiste circa mezzo milione di donne che vive con le conseguenze fisiche e psicologiche ...

    Continua a leggere »

gennaio, 2015

  • L’insostenibile incoerenza del semestre (di Presidenza italiana dell’UE)

    renzi semestre

    Secoli fa, un greco molto saggio girava in un mercato con una lanterna, in pieno giorno. Si chiamava Diogene. A chi lo interrogava perplesso, rispondeva semplicemente: “cerco l’uomo”. Io non sono greco. Non sono così saggio. E non mi chiamo Diogene. Ma in questo momento ho il Manifesto di Ventotene in mano, in piena sessione. E vi rispondo: “cerco l’Europa”. ...

    Continua a leggere »
  • Al Parlamento Europeo passa un emendamento M5S sulla tracciabilità del petrolio libico

    libian oil

    Dopo 6 mesi di lavoro del M5S nell’Europarlamento, il nostro peso specifico inizia a farsi sentire, nonostante i vari tentativi della troika dei grandi gruppi politici (Partito popolare, socialisti e liberali) di escluderci dai lavori parlamentari. Nella scorsa plenaria di gennaio, a Strasburgo, è stato approvato un emendamento presentato da me, come membro della Commissione Affari Esteri, sulla Proposta di ...

    Continua a leggere »
  • In Grecia si muore di austerità: gli effetti della Troika 4 anni dopo

    300 euro

    Dati sempre più allarmanti provengono dalla Grecia, lo stato “cavia” della cura Troika in Europa. Grazie a un provvedimento del governo, a chi non ha potuto pagare la tassa sulla casa è stata tolta la fornitura elettrica e ci sono molti cittadini che, non potendosi più permettere di comprare il gasolio, si sono ridotti ad usare stufe a legna, camini ...

    Continua a leggere »