Non è forte chi non cade, ma chi cade e si rialza

È trascorso un anno. Un anno di lavoro e di lotte dentro queste mura, a Bruxelles e a Strasburgo, in mezzo a tante piazze dell’Italia. Un anno di giorni pieni di entusiasmo, ma talvolta anche di amarezza. Un anno di grinta e di gioia, ma anche di cocenti delusioni. Un anno di mandato è passato. Un anno in cui tutte le mattine mi sono alzato e mi sono guardato nello specchio, dicendomi “ricorda chi sei”. “Ricorda da dove vieni”. “Ricorda perché sei qui”.

Vorrei raccontarvelo tutto in queste righe, ma so che non riuscirei a intrappolare tante emozioni, tanti attimi in queste parole digitate a mezzanotte, sdraiato sul divano di casa, mentre riavvolgo il nastro del pensiero e rivivo quei momenti. Allora ve lo riassumo in una sola, semplice frase:

“Non è forte chi non cade… Ma chi cade e si rialza”.

E la forza che mi ha fatto e mi fa sempre rialzare l’ho trovata guardando negli occhi le tante persone che ho incontrato, non qui a Bruxelles ma in Italia, nei nostri eventi, nelle nostre campagne, nella nostra vita quotidiana. Nelle parole di chi mi ha detto: “ricordati, Fabio, che tantissimi non mollano, non se ne vanno all’estero, non si tolgono la vita, solo perché ci siete voi, perché confidano in voi!”. Questa consapevolezza è la mia vera forza.
L’Italia merita di meglio. Non molliamo.

Check Also

Papà

Ci hai lasciati in una notte di settembre, il nostro mese preferito, lo stesso mese ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *