Disastri “naturali”? No, disastri amministrativi

L’Italia è in guerra con l’indegna classe politica che la governa! I disastri sono una loro responsabilità.

Ogni autunno è sempre la solita storia, piangiamo lacrime amare sulle vittime delle catastrofi naturali che colpiscono l’Italia. Ogni anno, il solito gioco del colpevole finisce spesso per assicurare alla giustizia i responsabili troppo tardi, quando ormai centinaia di commercianti hanno perso i loro negozi e altrettante famiglie sono costrette ad abbandonare le proprie case.In questi mesi l’ennesima vergona, basta una pioggia e gli argini di un fiume sono travolti. Sono 400 gli sfollati in Lombardia e 500 quelli in attesa in Emilia. In Liguria sono isolate quasi 200 persone e ci sono tre morti e un disperso.

Bisogna indignarsi e ribellarsi, quando le amministrazioni non ci ascoltano. Dobbiamo manifestare il nostro dissenso e porre all’attenzione di questa gente che si finge distratta da altri impegni politici (ma quali?) le questioni che possono causare emergenze in futuro. Fare politica non è ascoltare i cittadini che si rappresenta? A quanto pare per alcuni no.

Basta con questo scempio! #dissestoidrogeologico #dissestoItalia

Ecco il video del mio intervento al Parlamento europeo, anche davanti a tutti gli Stati europei ho denunciato questi gravissimi accadimenti e ho detto ai politicanti che oggi piangono davanti alle telecamere: vergognatevi!

Check Also

Da Zagabria un messaggio di speranza: il cambiamento in Europa sta arrivando!

5 anni. 5 anni di duro lavoro dentro al Parlamento Europeo, per guadagnare credibilità, acquisire ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *