Immigrazione: il trionfo dell’ipocrisia e della speculazione sulla tragedia

Da più di un anno noi portavoce del MoVimento 5 Stelle Europa denunciamo quanto una soluzione europea equa e comune all’emergenza umanitaria dei migranti trovi un ulteriore ostacolo nel fatto che, in molti paesi d’Europa, essa è degradata in un vero e proprio business, con la connivenza o quantomeno la colpevole ignoranza delle istituzioni. Questo è senz’altro vero in Italia, dove la fraudolenta gestione delle cooperative bianche e rosse è stata per anni ignorata da media e politica, permettendo che lo scandalo di posti come il Cara di Mineo passasse sotto silenzio.

Questo articolo (http://www.quotidiano.net/console-francia-vendeva-barche-migranti-1.1292202) dimostra, però, che siamo tutt’altro che soli. Persino un console onorario francese in Turchia ha pensato bene di “arrotondare” il proprio salario vendendo gommoni e giubbotti di salvataggio ai migranti nel proprio negozio. Con la benevola complicità, a suo dire, delle autorità turche (cosa che comunque non mi stupirebbe).

Gli unici sentimenti che riesco a provare sono rabbia e disgusto nei confronti di questi vomitevoli sciacalli. Ma ancor di più nei confronti di quei governi europei che continuano a tirarsi indietro, dimenticando il proprio passato di paesi colonialisti (in primis Gran Bretagna e proprio Francia) o sottoposti ai regimi autoritari sovietici (Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia), per meri fini elettorali. Il primo di questi è il Presidente del Consiglio Europeo, il polacco Tusk, troppo preoccupato delle vicine elezioni in Polonia per presentarsi in aula a Strasburgo davanti a noi nell’ultima plenaria e metterci la faccia. E con lui molti altri. Nel Mediterraneo non affondano solo barconi. Sta affondando da tempo la dignità e la coerenza del progetto europeo. Nel colpevole silenzio dei suoi falsi difensori.
‪#‎Vergognatevi‬

Check Also

In Memoria di Manuela Nughes

Ho aspettato qualche giorno per scrivere queste righe. Perché volevo prendermi con calma tutto il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *