martedì , 25 aprile 2017

Discorsi e Pensieri

#Brexit, è il momento del mea culpa dell’Europa

Lo scorso 23 giungo il popolo inglese ha deciso per la Brexit, questa scelta dev’essere rispettata. Oggi si è votata la posizione ufficiale del Parlamento europeo in merito ai negoziati che traghetteranno il Regno Unito fuori dall’Unione Europea. È il preludio a due anni che saranno caratterizzati da complicate trattative, un lavoro diplomatico che dovrà trovare una delicata ed equa ...

Continua a leggere »

Un Libro Bianco per il futuro? No, un libro nero per il presente: #NoAusterità

Celebration of the ' 60 years of the Treaty of Rome ' in Campidoglio - Ceremony of the signature of the Rome declaration - Family picture with Paolo GENTILONI, President of the Council of Ministers of the Italian Republic, Antoni TAJANI - EP President, Donald TUSK, President of the European Council, Jean-Claude JUNCKER - EC President and Joseph MUSCAT, Prime Minister of Malta

La Commissione europea, nella persona di Jean-Claude Juncker, ha presentato lo scorso 1° marzo il Libro Bianco sul futuro dell’UE. Uno sforzo programmatico che doveva indicare la visione dell’istituzione sul futuro, in vista delle celebrazioni del sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma. Una “visione”, appunto. Ci attendevamo un po’ tutti un’analisi dei limiti dell’Europa di oggi e una ...

Continua a leggere »

L’Artico sta agonizzando, abbiamo il dovere di salvarlo!

artico 2

L’Artico sta soffrendo, e la sua sofferenza riguarda tutti noi. Questo prezioso ecosistema ha un ruolo cruciale nel regolare le correnti oceaniche e il clima dell’intero Pianeta, se si ammala lui si ammala il mondo, che già non gode di ottima salute. Ma la febbre della Terra per alcuni è solo un’altra opportunità per trarre profitto. Man mano che i ...

Continua a leggere »

“A Plan B for the EU and the Euro-zone”

plan b

Oggi, con un video messaggio, ho inviato il mio contributo al quarto summit europeo “A Plan B for the EU and the Euro-zone”, che si sta svolgendo a Roma. La domanda dalla quale sono partito è quale sia il problema dell’Europa di oggi. La risposta sta nell’arroccamento sullo status quo, rappresentato formalmente, in primis, dal Trattato di Lisbona. Questo dedica ...

Continua a leggere »

Newton, gli insediamenti e la questione Palestinese: l’UE riconoscerà infine la Palestina?

U.S. President Donald Trump (R) greets Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu after a joint news conference at the White House in Washington, U.S., February 15, 2017.   REUTERS/Kevin Lamarque

Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Rileggendo gli avvenimenti di questi ultimi anni, per non dire decenni, mi viene da pensare, con una punta di amarezza, che neppure Newton avrebbe potuto prevedere quanto il suo terzo principio della dinamica sarebbe stato drammaticamente perfetto per illustrare il conflitto israelo-palestinese. Ve ne darò un piccolo saggio, partendo da un ...

Continua a leggere »

Il Donbass tra Ucraina, Russia, l’Europa… e Trump. La prima vittima della guerra è sempre la verità?

ucraina 1

In Ucraina orientale, dopo tante parole spese nei palcoscenici della diplomazia internazionale, sono tornate a parlare le armi. Sia il governo ucraino che i separatisti filo-russi, infatti, violando gli accordi di Minsk, stanno impiegando oltre alle armi leggere anche artiglieria pesante, mortai e carri armati. Nei territori vicini al fronte di guerra la vita è diventata difficile, alcune città sono ...

Continua a leggere »

Pedofilia: “Chi fa del male ai piccoli, che sia gettato con una macina al collo nel profondo del mare”

pedofilia

Pedofilia: “Chi fa del male ai piccoli, che sia gettato con una macina al collo nel profondo del mare”. Con queste parole, finalmente le parole coraggiose e nette che tutti aspettavamo, Papa Francesco in persona prende posizione su una delle più grandi vergogne della Chiesa: l’aver posto per decenni un velo di omertà sulla pedofilia. Abbiamo conosciuto gli scandali di ...

Continua a leggere »

Il genocidio dimenticato dei Nativi Americani

nativi

Il 31 gennaio 1876 un decreto degli Stati Uniti ordinò a tutti i Nativi Americani di trasferirsi nelle riserve, cioè in zone di territorio recintate e controllate dal Governo americano, autorizzando l’esercito a intervenire qualora l’ordine fosse stato disatteso. Non furono pochi i casi di nativi che, non accettando questo decreto, furono massacrati insieme alle proprie famiglie. Dopo che quasi tutte le ...

Continua a leggere »

Dati Eurispes fotografano una realtà drammatica. I governi hanno preferito fingere di non vedere la crisi economica

Eurispes

Siamo davanti ad una situazione intollerabile: i dati pubblicati da Eurispes nel ‘Rapporto Italia 2017’ fotografano una realtà drammatica, frutto di politiche scellerate messe in campo dai governi che si sono alternati in questi anni. Governi che hanno preferito fingere di non vedere ciò che, invece, era evidente: un Paese sempre più stretto nella morsa della crisi economica. Dallo studio emerge ...

Continua a leggere »

Fermiamo il genocidio silenzioso in atto in Burundi!

Burundi

La catastrofe umanitaria e civile che sta accadendo in Burundi ha un nome e un cognome, quelli del Presidente Pierre Nkurunziza che, violando la Costituzione, si è candidato (vincendo poi le elezioni) per il terzo mandato presidenziale. La situazione dello stato burundese è spaventosa. Ogni volta che la comunità internazionale prova a fare qualche timido passo c’è una risposta colpo ...

Continua a leggere »