mercoledì , 22 novembre 2017

Democrazia e Diritti Umani

Il genocidio dimenticato dei Nativi Americani

nativi

Il 31 gennaio 1876 un decreto degli Stati Uniti ordinò a tutti i Nativi Americani di trasferirsi nelle riserve, cioè in zone di territorio recintate e controllate dal Governo americano, autorizzando l’esercito a intervenire qualora l’ordine fosse stato disatteso. Non furono pochi i casi di nativi che, non accettando questo decreto, furono massacrati insieme alle proprie famiglie. Dopo che quasi tutte le ...

Continua a leggere »

Fermiamo il genocidio silenzioso in atto in Burundi!

Burundi

La catastrofe umanitaria e civile che sta accadendo in Burundi ha un nome e un cognome, quelli del Presidente Pierre Nkurunziza che, violando la Costituzione, si è candidato (vincendo poi le elezioni) per il terzo mandato presidenziale. La situazione dello stato burundese è spaventosa. Ogni volta che la comunità internazionale prova a fare qualche timido passo c’è una risposta colpo ...

Continua a leggere »

Schiavitù: un affronto all’umanità e terzo business illecito più redditizio al mondo

mauritanea_la_roccaforten_della_schiavitu

Ci sono statistiche odiose, che fanno male come una frustata sulla pelle e che dovrebbero far vergognare ogni essere umano. Secondo l’Indice Globale della Schiavitù 2016, pubblicato dalla Walk Free Foundation, nel mondo ci sono 45,8 milioni di persone schiavizzate, il 28% in più rispetto ai dati dell’ultimo report. Il concetto stesso di schiavitù rimanda a un mondo arcaico e ...

Continua a leggere »

Western Sahara e UE: silenzi e ipocrisie non cancelleranno la giustizia!

saharawi-1

Ci sono crisi internazionali che purtroppo raramente guadagnano grande eco sulle pagine dei giornali, ma non per questo sono meno dolorose per le popolazioni che le subiscono. Questo è senz’altro il caso dal Sahara Occidentale e del suo popolo: i Saharawi. Da quasi quarant’anni il Marocco occupa illegalmente il territorio del Sahara Occidentale, impedendo ai Saharawi di vivere liberamente nelle ...

Continua a leggere »

Mentre l’Europa parla, la Siria brucia

A man carries a young girl who was injured in a reported barrel-bomb attack by government forces on June 3, 2014 in Kallaseh district in the northern city of Aleppo. Some 2,000 civilians, including more than 500 children, have been killed in regime air strikes on rebel-held areas of Aleppo since January, many of them in barrel bomb attacks. AFP PHOTO / BARAA AL-HALABI        (Photo credit should read BARAA AL-HALABI/AFP/Getty Images)

Nella sanguinosa scacchiera che è diventata la Siria in questi anni, la conquista di Aleppo rappresenta lo scacco matto che può decidere la partita. E il punto di svolta, paradossalmente, potrebbe arrivare non certo a Ginevra, né tantomeno a New York, Damasco, Washington o Bruxelles, ma sorprendentemente ad Istanbul. Lì, infatti, si incontreranno il 10 ottobre Putin ed Erdogan, per ...

Continua a leggere »

Erdogan sempre più a fondo contro i curdi: l’Europa si svegli, se non vuole essere complice

HDP immunità

Da anni in Turchia è in atto una guerra strisciante contro il popolo curdo, fatta di discriminazioni, azioni repressive o veri e propri atti di guerra. Quel popolo curdo al quale – se lo consideriamo in prospettiva storica – il cinismo politico delle cancellerie occidentali non ha permesso di raccogliersi in una propria, singola nazione, che sarebbe potuta sorgere dalla ...

Continua a leggere »

Fermiamo un nuovo genocidio in Burundi

burundi

Nell’ultimo anno in Burundi si sono ripetute incredibili violenze che – secondo stime delle Nazioni Unite – hanno provocato finora più di 400 vittime e circa 260.000 profughi in fuga nei Paesi vicini. Se non si troverà a breve una soluzione politica, questi numeri potrebbero crescere entro la fine dell’anno. Ecco perché ho chiesto al Parlamento europeo, insieme al Movimento ...

Continua a leggere »

La lezione olandese

epa05244760 Dutch member of the Socialist Party (SP) Harry van Bommel hands out flyers against a referendum on the association treaty with Ukraine, in the Hague, The Netherlands, 05 April 2016. The referendum is scheduled on 06 April 2016 to decide in favor or against the ratification of the Association Agreement between the EU and Ukraine.  EPA/BART MAAT

Non c’è niente che si possa fare senza tenere conto della volontà popolare, nemmeno la politica estera di un Paese. Questo è l’insegnamento che voglio trarre dal referendum nei Paesi Bassi, in cui i cittadini olandesi hanno detto no all’accordo Ue-Ucraina. Il quorum è stato superato di un soffio, è vero. Ma mi piace il fatto che il primo ministro ...

Continua a leggere »

Caso ‪Regeni‬: per l’Egitto nuoce gravemente al turismo. Ecco le mie 10 domande scomode per avere verità e giustizia!

Regeni

Verità e Giustizia per Giulio Regeni: non dobbiamo avere paura di chiederle. E io non ho avuto paura, quando a Strasburgo ho incontrato una delegazione di parlamentari egiziani. Di fronte a loro ho sentito l’obbligo di parlare in modo franco, chiaro e diretto, mentre il presidente egiziano Al Sisi, per l’ennesima volta, confondeva le acque. Dopo aver a lungo riflettuto ...

Continua a leggere »

Stati del terrore e (T)Errori di Stato: la Pasqua dell’ipocrisia politica?

Post Pasqua Ipocrisia

Oggi è un giorno, un lunedì speciale. Il lunedì di Pasquetta. Per i credenti un ulteriore momento di raccoglimento per ricordare il sacrificio di Gesù per la redenzione del mondo. Per tutti, comunque un’opportunità per trascorrere una parentesi di svago e di serenità con propri amici, in famiglia, comunque vicini ai propri cari. Così ho tentato di fare finora. Senza ...

Continua a leggere »