domenica , 23 settembre 2018

Conferenza Alto livello UE-UA, è necessario cambiare il nostro modello di cooperazione

IMG_1265

Oggi ho preso parte alla Conferenza di Alto Livello Unione Europea – Unione Africana al Parlamento Europeo. Un’occasione per ribadire la nostra posizione, ben lontana dai soliti slogan vuoti di proposte a cui siamo stati abituati negli anni. La partnership UE – UA non può limitarsi a un rapporto ipocrita, paternalista o di facciata, oggi meno che mai: è necessario cambiare il nostro modello di cooperazione per renderla veramente adeguata a creare sviluppo e benessere, antidoti fondamentali per prevenire i rischi di radicalizzazione jihadista e fondamentalista, così come il fenomeno delle migrazioni di massa dovute a instabilità, guerre, sfruttamento, cambiamenti climatici. A questo deve essere orientato un vero “piano Marshall” per l’Africa, non certo ad essere un’occasione di lucro per i soliti colossi dell’imprenditoria.

Dobbiamo affrontare i problemi del continente e quelli comuni parlando non solo con i governi, sempre più attratti dall’aggressiva presenza cinese, totalmente indifferente al tema della democrazia e dei diritti umani, ma soprattutto con le popolazioni, con i giovani: come diceva il Mahatma Gandhi dobbiamo essere noi in primis il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo. Il tempo del “business as usual” deve finire ora.

E come sempre in questi anni, io e tutto il MoVimento siamo e saremo in prima linea: basti pensare all’importantissimo rapporto sulla responsabilità sociale d’impresa a firma del mio amico e collega Ignazio Corrao, al lavoro operato sul tema dei minerali di conflitto insieme a Tiziana Beghin e al nostro fortissimo impegno comune sui diritti umani. Con coerenza e serietà continueremo a lottare affinché i diritti di tutti prevalgano veramente sui profitti di alcuni. Questo è il MoVimento 5 Stelle!

Check Also

foto per post

Premio Sacharov, un onore per me aprire il secondo giorno dell’evento per il trentesimo anniversario

“What counts in life is not the mere fact that we have lived. It is ...