Affari Esteri e Difesa

Mentre l’Europa parla, la Siria brucia

Nella sanguinosa scacchiera che è diventata la Siria in questi anni, la conquista di Aleppo rappresenta lo scacco matto che può decidere la partita. E il punto di svolta, paradossalmente, potrebbe arrivare non certo a Ginevra, né tantomeno a New York, Damasco, Washington o Bruxelles, ma sorprendentemente ad Istanbul. Lì, infatti, si incontreranno il 10 ottobre Putin ed Erdogan, per ...

Continua a leggere »

L’Europa si arma #NoEsercitoEuropeo

L’esercito comune europeo nascerà entro 1 anno? Apparentemente sì, quantomeno un suo primo zoccolo duro. Il piano è in via di definizione: un documento lo conferma. Bastonata dal voto popolare che ha sancito la Brexit, impaurita da un terrorismo che ha dimostrato di non saper combattere efficacemente sul piano della prevenzione, sorda alla disperazione della disoccupazione e delle diseguaglianze crescenti, ...

Continua a leggere »

Prima Juncker e Barroso, adesso Kroes: l’Europa che vogliamo non è quella dei conflitti d’interesse!

Follow the money, segui la traccia dei soldi. E vedrai quante cose si scoprono. Ad esempio che un ex commissario europeo alla concorrenza aveva interessi in una società offshore. Che di questo non aveva informato le istituzioni per cui lavorava – come invece avrebbe dovuto fare secondo le stesse regole europee – né tantomeno i cittadini, verso cui aveva il ...

Continua a leggere »

Il CETA e la resurrezione del TTIP: perchè la battaglia non è ancora finita

TTIP che (forse) va, CETA che viene. Se i negoziati sul trattato di libero scambio Usa-Ue sembrano ormai arenati, si fa avanti il più circoscritto, ma non meno pericoloso, CETA, un accordo che copre gli scambi commerciali tra i Paesi dell’Unione e il Canada. E che può diventare, di fatto, il cavallo di Troia per introdurre in Europa gli stessi ...

Continua a leggere »

L’incubo euro-tedesco di Shauble e la speranza di ripartire dal Mediterraneo

L’Europa vive giorni difficili. La decisione del popolo britannico di lasciare l’Unione – la cosiddetta Brexit -, ha fatto da detonatore a una serie di crisi, da anni rimaste irrisolte, che non si potranno superare se non attraverso un profondo ripensamento dell’Unione europe per come essa è adesso e dei suoi equilibri. Dopo il terremoto, il Ministro delle Finanze tedesco ...

Continua a leggere »

Erdogan sempre più a fondo contro i curdi: l’Europa si svegli, se non vuole essere complice

Da anni in Turchia è in atto una guerra strisciante contro il popolo curdo, fatta di discriminazioni, azioni repressive o veri e propri atti di guerra. Quel popolo curdo al quale – se lo consideriamo in prospettiva storica – il cinismo politico delle cancellerie occidentali non ha permesso di raccogliersi in una propria, singola nazione, che sarebbe potuta sorgere dalla ...

Continua a leggere »

#TTIPLeaks: il MoVimento 5 Stelle presenta il TTIP in italiano

Tutti i cittadini devono conoscere le insidie che si nascondono dietro questo Trattato (Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti), negoziato in gran segreto. Ecco perché i portavoce del Movimento 5 Stelle Europa hanno tradotto in italiano, e messo a disposizione di tutti, le 248 pagine di negoziati fra Europa e Stati Uniti, pubblicati in esclusiva da Greenpeace Olanda. ...

Continua a leggere »

Fermiamo un nuovo genocidio in Burundi

Nell’ultimo anno in Burundi si sono ripetute incredibili violenze che – secondo stime delle Nazioni Unite – hanno provocato finora più di 400 vittime e circa 260.000 profughi in fuga nei Paesi vicini. Se non si troverà a breve una soluzione politica, questi numeri potrebbero crescere entro la fine dell’anno. Ecco perché ho chiesto al Parlamento europeo, insieme al Movimento ...

Continua a leggere »

L’accordo UE-Turchia è illegale: l’Europa si fermi finché è in tempo

Illegale. Il vostro accordo è semplicemente illegale, oltre che ingiusto e immorale. Lo voglio dire forte ai potenti dell’Europa – Merkel, Juncker e pure Renzi – che hanno preso una decisione, con tutto il cinismo di cui sono capaci, sulla pelle dei migranti e alle spalle dei cittadini europei. Vi dico una cosa: sono arrivato qui al Parlamento europeo esattamente ...

Continua a leggere »

La lezione olandese

Non c’è niente che si possa fare senza tenere conto della volontà popolare, nemmeno la politica estera di un Paese. Questo è l’insegnamento che voglio trarre dal referendum nei Paesi Bassi, in cui i cittadini olandesi hanno detto no all’accordo Ue-Ucraina. Il quorum è stato superato di un soffio, è vero. Ma mi piace il fatto che il primo ministro ...

Continua a leggere »