Affari Costituzionali

Un Libro Bianco per il futuro? No, un libro nero per il presente: #NoAusterità

La Commissione europea, nella persona di Jean-Claude Juncker, ha presentato lo scorso 1° marzo il Libro Bianco sul futuro dell’UE. Uno sforzo programmatico che doveva indicare la visione dell’istituzione sul futuro, in vista delle celebrazioni del sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma. Una “visione”, appunto. Ci attendevamo un po’ tutti un’analisi dei limiti dell’Europa di oggi e una ...

Continua a leggere »

“A Plan B for the EU and the Euro-zone”

Oggi, con un video messaggio, ho inviato il mio contributo al quarto summit europeo “A Plan B for the EU and the Euro-zone”, che si sta svolgendo a Roma. La domanda dalla quale sono partito è quale sia il problema dell’Europa di oggi. La risposta sta nell’arroccamento sullo status quo, rappresentato formalmente, in primis, dal Trattato di Lisbona. Questo dedica ...

Continua a leggere »

Referendum costituzionale: ha vinto la democrazia!

Quel momento, quell’attimo in cui realizzi che mesi e mesi di eventi e dibattiti nelle piazze d’Italia hanno contribuito a risvegliare le coscienze di un popolo e a far risorgere l’amore di una nazione per la sua Costituzione. Quel momento meraviglioso in cui vedi il fatalismo sconfitto e l’orgoglio rialzare la testa. Noi vogliamo essere forza di Governo. Noi vogliamo ...

Continua a leggere »

Il gigante CETA e la coraggiosa resistenza della piccola Vallonia

Quello che sta succedendo tra la Vallonia, piccola regione belga con una popolazione di appena 3,6 milioni di abitanti, e il CETA, l’Accordo economico e commerciale globale tra UE e Canada, è un po’ quello che è successo quando Davide ha sfidato Golia. E anche oggi Davide (la piccola ma valorosa Vallonia) ha sconfitto Golia (il CETA). Noi del MoVimento ...

Continua a leggere »

Prima Juncker e Barroso, adesso Kroes: l’Europa che vogliamo non è quella dei conflitti d’interesse!

Follow the money, segui la traccia dei soldi. E vedrai quante cose si scoprono. Ad esempio che un ex commissario europeo alla concorrenza aveva interessi in una società offshore. Che di questo non aveva informato le istituzioni per cui lavorava – come invece avrebbe dovuto fare secondo le stesse regole europee – né tantomeno i cittadini, verso cui aveva il ...

Continua a leggere »

Il CETA e la resurrezione del TTIP: perchè la battaglia non è ancora finita

TTIP che (forse) va, CETA che viene. Se i negoziati sul trattato di libero scambio Usa-Ue sembrano ormai arenati, si fa avanti il più circoscritto, ma non meno pericoloso, CETA, un accordo che copre gli scambi commerciali tra i Paesi dell’Unione e il Canada. E che può diventare, di fatto, il cavallo di Troia per introdurre in Europa gli stessi ...

Continua a leggere »

L’accordo UE-Turchia è illegale: l’Europa si fermi finché è in tempo

Illegale. Il vostro accordo è semplicemente illegale, oltre che ingiusto e immorale. Lo voglio dire forte ai potenti dell’Europa – Merkel, Juncker e pure Renzi – che hanno preso una decisione, con tutto il cinismo di cui sono capaci, sulla pelle dei migranti e alle spalle dei cittadini europei. Vi dico una cosa: sono arrivato qui al Parlamento europeo esattamente ...

Continua a leggere »

Open Democracy: democrazia in rete e nuove forme di partecipazione cittadina

Insieme a portavoce, accademici, sviluppatori, attivisti, ricercatori e hacker abbiamo parlato del futuro della democrazia diretta, della partecipazione cittadina nelle discussioni politiche e degli strumenti digitali per rendere la democrazia più partecipativa.

Continua a leggere »

La lezione olandese

Non c’è niente che si possa fare senza tenere conto della volontà popolare, nemmeno la politica estera di un Paese. Questo è l’insegnamento che voglio trarre dal referendum nei Paesi Bassi, in cui i cittadini olandesi hanno detto no all’accordo Ue-Ucraina. Il quorum è stato superato di un soffio, è vero. Ma mi piace il fatto che il primo ministro ...

Continua a leggere »

Brexit: chi paga il costo di un accordo a ogni costo?

L’accordo è stato raggiunto dopo due interi giorni di discussioni durante il Consiglio europeo tenutosi a Bruxelles dal 18 al 20 febbraio. Alla Gran Bretagna sarà garantito uno speciale status pur di evitare la rottura con l’Unione europea. Al popolo britannico un referendum, fissato il 23 giugno, per decidere se rimanere o no nell’Unione. Il quesito a cui i cittadini ...

Continua a leggere »